L’avocado, un ottimo sostituto dei...

Le nostre offerte mensili

   

€ 19,90 € 14,95

€ 11,90 € 5,90

L’avocado, un ottimo sostituto dei carboidrati, riduce la fame e a il peso 09 Maggio 2019

L'avocado fresco è un ottimo sostituto dei carboidrati raffinati. Questo blocca la fame e aumenta la soddisfazione dei pasti soprattutto agli adulti sovrappeso. La Center for Nutrition Research dell'Illinois Institute of Technology ha testato e pubblicato questa ricerca sulla rivista scientifica Nutrients.

Dopo aver analizzato 31 adulti con in sovrappeso che invece di fargli mangiare carboidrati, hanno solo mangiato verdura fresca!L'insulina e glicemia sono stati notevolmente ridotti e abbassato i loro picchi riducendo ulteriormente il rischio di diabete e malattie cardiovascolari. Introducendo grassi e fibre sane a una dieta quotidiana regolare.

La ricerca ha scoperto che l'avocado han provocato una riduzione significativa della fame e i partecipanti si sentivano soddisfatti del loro pasto. A volte basta un semplice buon frutto per cambiare il proprio peso e essere pronti alla prova costume!

Ultime news
  • Come si usa il Polase e quali sono le controindicazioni

    22 Luglio 2019

    Il Polase è un integratore alimentare molto usato, a base di sali minerali. E' consigliato in caso di debolezza, astenia, specie quando si suda tanti.

    Come sempre in caso di supplementi vitaminici e integratori, però, proprio la loro reperibilità, il fatto che si tratti di prodotti da banco molto pubblicizzati, può portare facilmente a sottovalutarne un eventuale abuso, oppure ad assumerli anche quando in realtà non ve ne sia bisogno. Vediamo, perciò per chi è davvero indicato il Polase e come si deve assumere correttamente.

    Intanto un po' di informazioni generali sul prodotto. Le bustine o compresse di Polase - prodotte dall'azienda farmaceutica Pfizer Italia - altro non sono che un integratore di sali minerali - magnesio e potassio nello specifico - da assumersi dopo i pasti principali o in caso di necessità. Quando è consigliato integrare questi due minerali attraverso il Polase? Quando - solo con la dieta - non riusciamo a colmare il nostro fabbisogno giornaliero di queste due sostanze indispensabili per le funzioni vitali dell'organismo, oppure quando la disidratazione - magari nei periodi di gran caldo o a seguito di malattie intestinali - ce le fa "perdere" di colpo. Il magnesio, oltre a trovarsi nelle ossa, è necessario per regolare l'attività cardiaca e la funzionalità digestiva, ma serve anche per mantenere la mente ben lucida.

    Il potassio è invece cruciale nell'attività elettrolitica cellulare e in particolare regola quella del cuore. Evidentememte una eventuale carenza di questi due minerali può portare a scompensi anche gravi, per questo, talvolta, anche le bustine di Polase possono venirci in aiuto. In particolare possiamo assumerlo quando perdiamo tanti liquidi e ci sentiamo "spompati", ad esempio se soffriamo di iperidrosi (sudorazione eccessiva) anche a seguito dipatologie a carico della tiroide o, per le donne, durante la menopausa. In tutti gli altri casi è meglio cercare di integrare potassio e magnesio attraverso l'alimentazione e bevendo tanta acqua.

  • I matrimoni possono farti ammalare ( by Elle)

    18 Giugno 2019

    Sì, un matrimonio non riuscito può farti ammalare (cuore, anima, corpo... ), lo dice la scienza.

    Continui litigi col partner spesso significano disturbi fisici molto seri che devi smettere di sottovalutare se vuoi tornare a vivere serena Corpo, anima e cervello, amore solamente amore, solo solo quello Cit. Basta litigi tra moglie e marito, lo ordina il medico. Sì, perché urla, discussioni e musi lunghi continui hanno un effetto devastante non solo sulla nostra salute mentale, ma anche su quella fisica. Proprio così. Un nuovo studio pubblicato su Psychoneuroendocrinology svela che quando un matrimonio è infelice a soffrire è soprattutto il nostro intestino (ma non solo), organo che dovremmo curare con attenzione per evitare uno stato infiammatorio che porterà ad altri problemi di salute in futuro.

    Lo studio condotto dalla dottoressa Janice Kiecolt-Glaser - direttrice dell'Istituto per la ricerca di medicina comportamentale presso l'Ohio State University Wexner Medical Center - è il primo al mondo a indagare un collegamento tra matrimoni che non funzionano e problemi di salute. Come spiega la psichiatra: “Pensiamo che questa sofferenza coniugale quotidiana - almeno per alcune persone - arrivi a causare cambiamenti nell'intestino che portano a uno stato infiammatorio cronico e, potenzialmente, a ulteriori malattie. L'ostilità è un segno distintivo dei cattivi matrimoni - quelli del tipo che portano a cambiamenti fisiologici avversi”.

    (fonte Elle)

  • Lampade abbronzanti: ecco perché fanno male davvero

    13 Giugno 2019

    L'OMS mette in guardia sull’uso intensivo delle lampade solari che, come i raggi del sole, aumentano il rischio di tumori: 20 minuti di lampada solare equivalgono a 20 minuti al sole di mezzogiorno all’Equatore. Mariuccia Bucci, dermatologa, indica come e quanto esporsi alle lampade solari... per non rischiare la pelle.

    Scopri tutto cliccando al link

Rubriche
  • Stop al singhiozzo con il rimedio di zia Roberta

    14 Novembre 2018

    Chissà perché i vecchi rimedi si rivelano sempre i più efficaci! Affermazione banale, vero? Forse lo è o forse no, ma mi frulla in testa da alcuni giorni e per la precisione da quando Andrea ha avuto un noiosissimo singhiozzo!

    Noi mamme sappiamo bene che per i nostri piccoli le cause del singhiozzo sono le più disparate. Si va dal pianto al reflusso gastro-esofageo passando per i repentini sbalzi termici. E allora? Allora non ci rimane che aspettare con ansia che quel fastidioso “hic hic” passi del tutto, sperando che accada il prima possibile.

    Uffa! Io mi ritrovo a contare i mesi che mi separano dal superamento del primo anno e mezzo del mio ometto! Infatti, il pediatra mi ha detto che una volta superato l'anno e mezzo il tormento singhiozzo del mio bambolotto via via scemerà. Io non vedo l'ora... Il singhiozzo sa essere veramente irritante!

    Nel frattempo, per alleviare il fastidio del mio bambino mi sono messa alla ricerca di rimedi per il singhiozzo. Quindi mi sono attivata e ho intervistato tutte le donne della mia famiglia: mamma, zie, nonne, suocera! Insomma, ci sono passate proprio tutte! Non ci crederete ognuna di loro ha avuto un aneddoto sul singhiozzo da condividere con me! Alcuni sono veramente strampalati, altri invece davvero interessanti. Uno in particolare, quello che ho messo in pratica per “curare” il singhiozzo del mio piccolo, funziona davvero!

    Ora vi rivelo la singhiozzo terapia che ho adottato e che mi è stata rivelata da mia zia Roberta! Benedetta sia lei e la sua saggezza! In uno degli innumerevoli attacchi di singhiozzo di Andrea, invece di perdere la pazienza, ho tirato forte e verso il basso i lobi delle orecchie del mio cucciolotto, ovviamente senza fargli male, povero angioletto! Non ci crederete ma quello di zia Roberta si è rivelato un metodo rapido e molto efficace; infatti il singhiozzo si è dileguato nel nulla! Io non posso che consigliarvene vivamente la pratica! Provateci e constaterete voi stesse i risultati!

  • PANCIA SNELLA CON LE REGOLE NATURALI

    24 Ottobre 2018

    La pancia, la pancia, che dire, ormai sembra essere diventata l'incubo di tutte le donne e di tutti uomini, infatti entrambi i sessi vorrebbero eliminarla a tutti i costi, certo un pò di pancetta è anche carina da vedersi, ma purtroppo quando l'eccesso è troppo evidente può diventare, un gran fastidio e non è più carina da vedersi, ma bensì diventa "bruttina".

    Esistono delle regole quotidiane, che se imparate a rispettarle, vi aiuteranno a tenere sotto controllo il peso e logicamente la pancia sarà bella e asciutta. Se volete eliminarla, questo è il momento giusto per agire in modo corretto e mirato.

    Metabolismo, se volete risolvere questo fastidio dovete imparare, come prima regola agire a velocizzare il vostro metabolismo, perché più lui è veloce, più smaltisce i cibi con maggior facilità. Imparate a mangiare, oltre la colazione, il pranzo e la cena, altre 6 volte al giorno in modo leggero con spuntini frequenti senza abbuffarvi, non saltate mai i pasti, non alzatevi mai dal tavolo con il senso di fame, perché andreste solo a rendere pigro il metabolismo e questo comporta un aumento di peso e gonfiore al ventre.

    Masticate, dovete prendere l'abitudine di mangiare piano, masticando il cibo lentamente e più volte, in questo modo aiutate la digestione a non appesantirsi. Ricordate che mangiare non è una gara e chi finisce prima vince qualcosa, imparate a vedere i pasti, come un attimo di sano e pure piacere.

    L' acqua, bevete almeno 2 litri al giorno di acqua, possibilmente lontano dai pasti, è un ottimo metodo per eliminare i liquidi e depurare l'organismo.

    Movimento, se conducete una vita sedentaria e, soprattutto in posizione scomode la pancia crescerà. Se state seduti cercate di stare con la schiena dritta tenendo la pancia in dentro, se camminate tenete la pancia in dentro, ma in entrambi i casi questo aiuterà la pelle a rimanere tonica ed elastica funzionerà, come una sorta di ginnastica passiva .

    Iniziate con queste regole e nel prossimo articolo, ci occuperemo di preparare degli impacchi naturali per contrastare la pancia.....

  • Come attenuare l´odore dei pannolini

    26 Settembre 2018

    Dilemma pannolini: a me Amleto fa davvero un baffo! Come tutte le mamme che si rispettino anche io ho vissuto l'incubo pannolino, e devo confessare che l'ho vissuto già prima degli esordi da genitrice. Non che dopo la nascita del mio piccolo Andrea le perplessità e le domande siano diminuite... quelle non finiranno mai, perché mai si finirà d'imparare con o senza pannolini ad arroventarmi la testa.

    I miei voli mentali prendevano forma dai dilemmi più stupidi, partivano dalla scelta dei pannolini per neonato più adatti al mio futuro pargoletto, passavano attraverso quali pannolini ecologici scegliere per arrivare alla “decisione delle decisioni”, ovvero alla scelta tra i pannolini lavabili e quelli usa e getta. Alla fine io ho optato per i pannolini lavabili, e lo ho fatto perché questo tipo di pannolino non arreca allergie e arrossamenti ai nostri piccoli. In breve questo tipo di panno è un grande alleato contro tutte quelle irritazioni causate dai pannoloni per bebè usa e getta.

    A ogni modo, tutto questo giro mentale mi ha portato anche a risparmiare parecchi soldi e a compiere una scelta ecologica che mi riempie d'orgoglio, dal momento che sono una ferrea alleata della sostenibilità! I pannolini lavabili sono infatti un vero e proprio investimento: essendo adattabili a diverse taglie e lavabili permettono a noi mamme di allargarli e di stringerli a seconda delle nostre esigenze, anzi a seconda elle esigenze del nostro piccolo ometto!

    In questo rincorrersi di scelte, però, devo confessarvi che il mio incubo più mostruoso era l'odore del pannolino... Per combattere i sentori poco piacevoli ho adottato il trucco della mia dirimpettaia Carlotta: ogni volta che cambio il mio piccolino spolverizzo un po' di bicarbonato di sodio nel suo pannolino, chiaramente non lo spolverizzo direttamente sul suo culetto, a meno che io non gli stia per fare il suo abituale bagnetto. Il risultato è incredibile: il bicarbonato di sodio attenua notevolmente l'odore dell'urina neutralizzandone l'acidità! Provatelo anche voi!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.